Intensiva R1

L’Unità di assistenza intensiva R1 Medica Group eroga prestazioni in regime residenziale intensive di cura e mantenimento funzionale, ad elevato impegno sanitario, alle persone con patologie non acute che, presentando alto livello di complessità, instabilità clinica, sintomi di difficile controllo, necessità di supporto alle funzioni vitali e/o gravissima disabilità, richiedono continuità assistenziale con pronta disponibilità medica e presenza infermieristica sulle 24 ore.

Eroga prestazioni a pazienti affetti da SLA o altre sindromi neurodegenerative in fase avanzata, pazienti con patologie croniche con necessità di assistenza respiratoria, portatori di tracheostomia, nutrizione artificiale (enterale o parenterale), o comunque confinate a letto e con dipendenza totale per l’alimentazione, il controllo degli sfinteri, l’igiene personale, in fase di stabilizzazione clinica, che abbiano completato i necessari precedenti protocolli riabilitativi ma per problematiche sociali e/o tecnico-organizzative non possono essere assistiti a domicilio. I trattamenti, non erogabili al domicilio o in altri setting assistenziali di minore intensità, sono costituiti da prestazioni professionali di tipo medico, psicologico, riabilitativo, infermieristico e tutelare, accertamenti diagnostici, assistenza farmaceutica, fornitura di preparati per nutrizione artificiale e dei dispositivi medici monouso e di assistenza protesica.

L’assistenza Medica Group in cure intensive R1 è gratuita e a carico del sistema sanitario regionale. I farmaci, i dispositivi medici, gli ausili, i supporti nutrizionali e quanto necessario sono erogabili a carico del SSR, secondo l’indicazione dell’équipe curante.

L’attività di assistenza è caratterizzata da:

  • attività di nursing con fisioterapia al mantenimento delle condizioni già raggiunte all’interno delle UU.OO. ospedaliere e di riabilitazione di provenienza nonché alla prevenzione di ulteriori complicanze da patologie sovrapposte;
  • continua sorveglianza medica adeguata allo “status” di ogni singolo paziente da parte di staff medico–specialistico;
  • programmazione concordata con l’équipe medico-specialistica, dell’intervento guidato e della collaborazione dei parenti in tutte quelle attività che, con stimoli familiari al paziente, mirino a risvegliare una coscienza reattiva all’ambiente esterno e/o sostengano l’ospite nelle relazioni e nella comunicazione.

In ottemperanza al Decreto del Commissario ad acta del 11/03/2020 il reparto R1 - alta intensità è stato autorizzato come reparto di sub intensiva per facilitare la gestione dell'emergenza COVID 19.